• Formazione professionale in pratiche filosofiche e consulenza filosofica

Programma dei corsi

Le 30 sedute di training individuale sono effettuate con almeno due, e non più di quattro, dei seguenti docenti: , Giancarlo Marinelli, Ippolita Degli Oddi, Simona Gasparetti, Arcangela Miceli, Ilaria Mocavini, Ferdinando Testa
La supervisione casi viene effettuata con i seguenti docenti:  Giancarlo Marinelli, Arcangela Miceli. Si segnala infine la presenza tra i docenti del nostro corso di Roma, di Ran Lahav, uno dei leader a livello mondiale del Counseling Filosofico.

Teoria e metodologia della pratica filosofica (I° I I° III° anno)


Filosofia “permessi” e “discorsi senza padrone” (Socrate, il counseling filosofico e l’Analisi Transazionale). Consulenza e counseling filosofico, psicologia e psicoterapie; delimitazione degli ambiti delcounseling filosofico; l’atteggiamento filosofico; la domanda filosofica; la seduta di counseling filosofico; setting e contratto; le fasi del counseling filosofico; il rapporto empatico, centralità dell’ “idea”, la centralità delle emozioni-sentimenti in rapporto all’idea (“idee in cui viviamo”); l’analisi della domanda, la maieutica ed il metodo dialettico.
Centralità della relazione; atteggiamento filosofico e “riformulazione”; Dostoevskij e la centralità della polifonia (centralità della relazione); riformulazione, congruenza, autocoscienza e “superconscio”; i pericoli della consulenza filosofica; vita “filosofica” e counseling filosofico. Dostoevskij e la ‘terapia’ del colloquio (approfondimento della ‘centralità della polifonia’); applicazione delle metodologie filosofiche in: problemi dell’ esistenza e nelle crisi di valori (counseling filosofico in casi di depressione ‘ non patologica’, Counseling filosofico di fronte a patologie psichiche (affiancamenti e passaggi), Counseling filosofico e omosessualità, problemi decisionali, problemi religiosi, problemi etici e morali, esigenze intellettuali di ricerca e conoscenza,consulenza informativa su temi di etica, bioetica, su scelte professionali.

Filosofia applicata


Analisi e discussione del pensiero di filosofi occidentali (da Socrate ai contemporanei) che abbiano rilevanza nella attività pratica.

Le filosofie orientali: generalità e metodologia; commento ai principali testi filosofici; la pratica filosofica attraverso il corpo.

Platone, Apologia di Socrate; Platone, Simposio; Platone, Fedone;
Aristotele, Etica Nicomachea;
Seneca, L’arte di vivere;
Sartre, L’esistenzialismo è un umanismo;
Heidegger, Lettera sull’umanismo;
Arendt, Vita attiva, la condizione umana;
Hillman, Saggio su Pan;
Hillman, Il codice dell’anima.

Filosofia come radicamento nella “carne”: il tempo, il corpo, il linguaggio e lo slancio vitale.

Bergson, L’evoluzione creatrice;
Minkowski, Il tempo vissuto; Minkowski, Verso una cosmologia; Minkowski, La schizofrenia;
Pareyson, Teoria della formatività;
Galimberti, La casa di Psiche.

Filosofia come ordine del cuore

Panofsky, Cupido cieco;
Galimberti, Le cose dell’amore;
Aby Warburg. Biografia di una passione.;
Kierkegaard, La malattia mortale;
Jaspers, Psicologia delle visioni del mondo.

Teoria e tecnica del colloquio


Teoria della comunicazione umana, teoria della relazione d’aiuto, le parti del colloquio, la gestione di sé nel colloquio, generalità sulla programmazione neurolinguistica. Esercitazioni pratiche guidate.

Lettura testi


Analisi e discussione dei testi sul counseling filosofico o di testi attinenti. Esame dell’uso dei testi nella pratica del counseling. Lettura e commento di testi filosofici applicati al counseling filosofico

Filosofia nelle aziende e organizzazioni

Elementi di analisi organizzativa. Epistemologia del counseling filosofico nelle organizzazioni. Le aree di intervento: Amministrazioni Pubbliche, Servizio Sanitario, Libere Professioni, Aziende Private. Gli ambiti di applicazione ed intervento della filosofia nelle organizzazioni. La ricerca e la definizione dell’identità aziendale.
La motivazione. Le problematiche interne alle microcomunità professionali (conflittualità, logiche anti individuali, partecipazione, alienazione) Introduzione alla filosofia del lavoro. Etica, deontologia, comportamento sul lavoro. Etica degli affari: linee e prospettive. Etica manageriale e codici etici dell’ organizzazione. Prospettive metodologiche: Il metodo del “problema dialogato”. Gli strumenti induttori di pensiero: l’uso dell’ arte e della letteratura all’interno di gruppi di lavoro.

Diritto e Deontologia


Il codice dentologico, il contratto di consulenza, il segreto professionale, gli ambiti di competenza del counselor,la circonvenzione di incapace, la legislazione sul counseling e sulla psicoterapia.

INSEGNAMENTI SECONDARI

Basi filosofiche della psicologia

I riferimenti filosofici dei principali indirizzi della psicologia: il modello psicoanalitico freudiano, junghiano ed adleriano. L’indirizzo fenomenologico-esistenziale. Ruolo terapeutico e filosofico dell’immaginazione. La psicologia e la psicoterapia ad orientamento filosofico.

Lineamenti generali non specialistici di psicologia generale.

I principali indirizzi della psicologia, il modello psicoanalitico, S. Freud, CG Jung, A. Adler, cognitivismo e comportamentismo, V indirizzo esistenziale, psicoanalisi e psicoterapie e il loro rapporto con la filosofia.

Lineamenti generali non specialistici di psicopatologia con competenze relazionali delle emozioni e dei vissuti.